A porte chiuse

Un bicchiere di rosso,
anche due
guardo le tue gambe vicino alle mie;
ridi, sorrido, uno sguardo al cellulare:
mi annoio o mi diverto?
Non riesco a capire

Il conto, un salto in centro
tra una battuta e l’altra aspetto il momento
in cui dal mio cuore sorga
quel ch’era morto da tempo:
non sento niente,
zero sentimento

A porte chiuse,
restiamo a porte chiuse;
mi prendi la mano
e io te lo faccio fare
ma sono altrove,
dove tu non puoi entrare,
dove io non ti faccio vedere
quel che brucia sotto pelle

Nonostante gli anni, i buoni propositi
annusiamo il dolore come bestie superstiti

Come si apre la fiducia sotto chiave?
Come si torna a respirare?

Ti guardo, ti soppeso
e penso che non sei male, tutto sommato
ma non basta, non basta mai
e questo rumore
è una storia che non parte
una porta che scricchiola, ma non si apre
un muro che non crolla
“Poco male” dico, quasi sorrido:
“Sarà per un’altra volta”.

Come si apre la fiducia sotto chiave?
Come si torna a respirare?

Ti saluto dal finestrino del treno,
ennesimo volto sparito in un baleno:
io dalla mia parte, tu dalla tua
del nostro muro di Berlino.

(a L. che mi chiese parole per le sue canzoni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.